venerdì 23 novembre 2012

TORTA RUSSA

Siete pronte per il dolce di oggi? 
Avete la carica giusta per assaggiarne una fettina? Bhè, se non ve la sentite, rimandiamo a lunedì... eh eh.
Questa torta non l'avevo ancora fatta in casa, chissà perchè immaginavo fosse più complicata delle altre ma un giorno, mentre con il mio ragazzo passeggiavamo in centro Verona, mi dice che è parecchio che non la mangia ed è una delle sue preferite.
Ecco allora l'occasione di mettermi al forno!
Tra l'altro ho scoperto essere la torta tipica della mia città, Verona appunto. Scusate la mia ignoranza, ma non ci avevo mai fatto caso.
Adesso mi spiego perchè le pasticcerie del centro ce l'hanno sempre in vetrina! Ma come si vede, ci arrivo un pò dopo.
Ho cercato di saperne un pò di più in rete ma non ho trovato le origini e del perchè si chiami così. C'è chi suppone si chiami "russa" perchè la chiususra della sfoglia ricorda un colbacco.
Se ne sapete di più ditemelo che sono curiosa.
Sta di fatto che la TORTA RUSSA ci piace un sacco e con i suoi colori caldi ricorda molto l'autunno quindi è perfetta per questa stagione! Per chi non l'avesse ancora assaggiata, diciamo che è una torta "secca" che si sposa molto bene ad un buon bicchiere di vino e anche il giorno dopo mantiene la sua fragranza.

Allora sotto con gli ingredienti e la preparazione:

pasta sfoglia
150g zucchero
100g burro
170g farina
100g mandorle spellate
100g amaretti
3 uova
1 limone
1/2 lievito
1 vanillina
sale

Tritate gli amaretti e le mandorle.
Montate le uova con lo zucchero e aggiungete il burro fuso, la mandorle con gli amaretti, la farina setacciandola con il lievito e la vanillina.
Alla fine aggiungete la buccia di un limone grattuggiata.
Stendete la sfoglia nella teglia, alzando bene i bordi che poi ripiegheremo sulla torta.
versate il composto e ripiegate bene i bordi sopra.
Più grande è la teglia, meno bordo vi verrà. Con una teglia come la mia da 26 cm si fa il bordo molto stretto ma con altre di diametro più piccolo vi verrà coperta molto più torta. Così a me piace di più.
Infornate per 35 miuti a 180°.



Buon fine settimana, fate le brave!!!

12 commenti:

  1. Non la conoscevo ma devo dire che mi ispira moltissimo quindi "rubo" e la metto nell'archivio delle ricette da fare!gnammy! buon week end cara!!

    RispondiElimina
  2. io si ...io si...mi prenoto per una fettina di questa torta orginalissima!
    bacio grande

    RispondiElimina
  3. ma deve essere favolosissima!!!!!
    ma sai che non avevo capito che fossi di verona?
    caspita e' una bellissima citta'!ci venivo qualche volta quando abitavo a Carpi,e spessissimo andavo all'ex bengodi e alla grande mela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari ci siamo pure incontrate! Conosco benissimo questi posti, adesso vado più spesso al C/C Verona Uno che è attaccato a casa :-) buona giornata!

      Elimina
  4. Deve essere la fine del mondo, gerbillina! :D Mi piace, davvero tanto! :D Un abbraccio e complimenti, buona giornata!

    RispondiElimina
  5. adesso abito in provincia di novara,il mio compagno e' di queste zone..pero' mi piaceva di piu' li'!

    RispondiElimina
  6. sono pronta eccome a bocca apertaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  7. Ma una fetta non mi basta, questa delizia sono pronta a papparmela tutta!!!.Brava cara e buon w.e.

    RispondiElimina
  8. Credo proprio che una fetta non vada bene,me ne servirebbero almeno due che ne dici?
    Comunque complimenti

    RispondiElimina
  9. Dev'essere buonissima!Ciao, buon we.

    RispondiElimina